Il recupero architettonico della Cascina Forestina

La Forestina si configura come un gruppo di edifici a due piani raccolti attorno a una corte centrale dominata dalla stalla e dall’abitazione del fattore.

La cascina, costruita tra la fine dell’Ottocento e i primi del Novecento, dopo decenni di abbandono era invasa dalla vegetazione e giaceva in stato di profondo degrado. Al margine sorgevano altri edifici di servizio (l’abitazione dei salariati con annesso portico, una piccola scuderia e un modesto fienile).

La Cascina Forestina e il Parco Agricolo Sud di Milano

Dal principio degli Anni Novanta, in modo e misura crescente, la Politica agricola comunitaria ha inteso promuovere e incentivare i metodi di coltivazione a basso impatto ambientale, favorendo contestualmente ogni intervento volto a conservare o migliorare il paesaggio.

La Cascina Forestina: una forma di vendita diretta nel basso milanese

Sarebbe essenziale porsi preliminarmente una domanda: qual è oggigiorno il destino dell’agricoltura lombarda?

Ovvero di un’antica, millenaria, nobilissima tradizione: sapientemente irrigua nel Basso milanese e ovunque capace di mutare un paesaggio naturale ostinatamente silvestre e ostile in un piano o in un ondulata collina portati a perfetta coltura, giusta la diffusa, perseverante e secolare fatica tanto ammirata da Carlo Cattaneo (Notizie naturali e civili su la Lombardia, Milano 1844).