Icon

scorri

Una razza avicola lombarda allevata all'aperto

pollo milanino

Icon

scorri

Una razza avicola lombarda allevata all'aperto

pollo milanino
Arrow
Arrow
Slider

Si tratta di una razza avicola lombarda ottenuta mediante l’incrocio di due razze: la Valdarno bianca e la Orpington bianca. Questo esperimento fu condotto agli inizi degli Anni Venti del Novecento dal ragionier Isidoro Bianchi, avvalendosi del giardino della sua viletta a Cusano Milanino (Mi).

Il risultato ottenuto fu a quel tempo riconosciuto come un successo: infatti il pollo che si ricava arriva ad avere un peso medio di 3,5 kg e la gallina è un’ottima ovaiola. La robusta rusticità di questa razza si accompagna a una morfologia apprezzata anche nei suoi valori estetici: spiccano l’ampio petto, la grande cresta di colore rossosangue e in particolare i tarsi bianchi

Grazie alla sua produttività la razza si diffuse rapidamente nel Milanese, fino a prevalere su ogni altra nelle aziende agricole del territorio. Il suo declino a partire dagli Anni Cinquanta fu dovuto al progressivo affermarsi di razze più produttive di carni e di uova.

un fiero gallo controlla le sue chiocce
un fiero gallo controlla le sue chiocce

Il Pollo Milanino scomparve dunque del tutto e il suo recupero si è dovuto a uno specifico programma curato dal Dipartimento di Scienze Veterinarie per la Salute, la Produzione Animale e la Sicurezza Alimentare dell’Università degli Studi di Milano.

Questo progetto (CoVAL), destinato alla conservazione e alla valorizzazione delle razze avicole lombarde, ha preso avvio nel 2009 e ha visto fin dal principio l’attiva collaborazione, in qualità di partner, dell’Azienda agricola Reverdini Niccolò. 

pollo milanino 1

due pasciute galline razzolano nel recinto

Quest’ultima ha accolto nell’arco di un triennio (2012-2014) numerose sperimentazioni universitarie curate dalla professoressa Silvia Cerolini e dedicate inparticolare allo studio dell’accrescimento dei polli in rapporto a diversi metodi di alimentazione.

L’impostazione scientifica non ha consentito in questo periodo l’utilizzazione dei capi e delle uova nella cucina del Ristoro agrituristico.

Ma in questi ultimi due anni, con nuovo impulso dovuto alla costituzione societaria, l’allevamento ha conosciuto un incremento numerico e soprattutto una conduzione zootecnica impostata sulla fornitura diretta al Ristoro.

Va però tenuto presente che, a differenza di quanto accade per la razza Varzese, la disponibilità dei capi di Pollo Milanino non consente ancora la continuità di presenza sulla tavola 1

 

I clienti della ristorazione possono in tal modo apprezzare le peculiarità di un pollo allevato a terra con metodo biologico.

La macellazione avviene al quinto/sesto mese dalla nascita: l’alimentazione è basata sulle granelle dei cereali e dei legumi coltivati dalla società agricola, nonché da fresche foglie dell’orto 2. Ne risultano carni consistenti e saporite, più scure nella regione delle cosce e delle anche, che evidenziano l’ampio spazio di allevamento all’aperto. Le uova, di diverse tonalità di bianco, sono gustose, di medio calibro e hanno forma affusolata.


1 La loro utilizzazione ha una cadenza normalmente trimestrale

2 Si tratta in particolare di cicoria spadona appositamente coltivata e di foglie derivanti dalla pulizia degli ortaggi.

Scopri le altre razze autoctone lombarde

Richiedi info